chi vuole viagra italia che si raggiunga cialis italia

L’Acqua De Contra

Fra le decine di piccole e grandi sorgenti, alcune fin dalla antichità sono state utilizzate a fini terapeutici.

In particolare fra queste assumono rilievo le acque solfuree su cui si incentrano per oltre 60 anni le attività del vecchio Stabilimento Termale, distrutto nel 1944. L'acqua solfurea De Contra, utilizzata dall'attuale Stabilimento Termale, è caratterizzata da un buon grado solfidrometrico ed è stata riconosciuta efficace dal Ministero della Sanità per la cura di numerose patologie in ambito artroreumatologico, otorinolaringoiatrico, pneumologico, dermatologico, flebologico e gastroenterologico.

Famiglia Idrochimica

All'analisi idrochimica l'acqua DeContra risulta appartenere alla famiglia bicarbonato calcica sia secondo il metodo di Scholeller che con quello di Piper.

Valutazione idrotermale

Seguendo le più comuni classificazioni idrologiche-termali l'acqua DeContra utilizzata dalle Terme di Popoli è definibile come solfurea pura.

Classificazione nazionale (DL 105/92)

L'acqua sulfurea DeContra viene classificata come oligominerale, microbiologicamente pura ed indicata per le diete povere di sodio

Combinazioni ioniche

Il confronto ionico secondo Palmer individua l'acqua DeContra in III° classe con predominio di bicarbonati di metalli alcalino-terrosi (Ca, Mg)

Circolazione idrica sotterranea

L'analisi delle combinazioni ioniche secondo il metodo di D'Amore, Scandiffo e Panichi, testimonia che l'acqua DeContra ha una circolazione in rocce carbonatiche. La presenza di solo 7.9 UT garantisce l'origine profonda della stessa.

Conclusioni

L'acqua sulfurea DeContra di Popoli ha delle caratteristiche che grossolanamente la differenziano da tutte le altre acque sulfuree utilizzate in Italia. In particolare il rapporto fra il grado solfidrometrico medio-alto (fra i primi dieci in Italia) e una spinta oligomineralità (la più bassa in Italia). Almeno teoricamente queste caratteristiche rendono quest'acqua particolarmente efficace in molte patologie di tipo dermatologico, ginecologico e delle vie respiratorie e digestive. D'altronde appunto la singolarità di questo mezzo termale appare valido spunto per auspicare studi specifici in merito alle variazioni biochimiche, istologiche e funzionali secondari alla sua somministrazione e giustificanti le suddette azioni terapeutiche.

Analisi chimica*

Valutazione microbiologica: batteriologicamente pura
Temperatura della sorgente 15,5°C
pH alla sorgente 7,0
Conducibilità elettrica 0,58 mS/cm
Residuo Fisso a 180°C 473 mg/L
Grado Solfidrimetrico 26,0 mg/L
Anidride Carbonica Libera alla sorgente 9,0 mg/L
Sodio 10,2 mg/L
Potassio 3,6 mg/L
Calcio 120,2 mg/L
Magnesio 34,3 mg/L
Cloruro 19,6 mg/L
Solfato 79,0 mg/L
Bicarbonato 354,0 mg/L
Silice 12,0 mg/L
*Dipartimento di Farmacia - Università degli Studi di Napoli Federico II